Tensostrutture
Winch Bridge
Middleton, 1714 d.C.
Percorsi evolutivi
Epoca: XVIII secolo d.C.
Utilizzo: Civile
Luogo: Middleton, Inghilterra
Caratteristiche: -
Materiali: Catene in ferro e legno
Dimensioni: 50 cm di larghezza dell'impalcato
Tipologia: Archetipo dei ponti sospesi
Progettista: -
APPROFONDIMENTO
.
PHOTO GALLERY

Per la visualizzazione dei contenuti necessario il plug in Flash Player

Adobe Flash Player

» http://www.adobe.com/it/

I primi ponti sospesi costruiti nell’Europa Occidentale di cui sia stata conosciuta e studiata l’esistenza sono la passerella sull’Oder River realizzata dall’Armata Sassone del 1734 e il Winch Bridge sul fiume Tees nel 1741. L’attenzione va rivolta in particolar modo al secondo dei ponti sospesi sopra citati.


La passerella del Winch Bridge, di limitate dimensioni, era costituita da un impalcato in legno a nastro sorretta da catene ad anelli in ferro. Ovviamente, così edificata non possedeva il grado di rigidezza necessario a contrastare, o quantomeno limitare, le oscillazioni sia del vento che quelle dovute al transito dei passanti. Sebbene la struttura riprenda la più classica delle tipologie costruttive dei ponti sospesi, per la prima volta viene concepito il concetto di controventamento posizionando delle catene in ferro inclinate sotto l’impalcato e fissate alle murature di ancoraggio laterali ( Fig. 1 ). L’ingegnosa intuizione, chiaramente, non risolse i problemi riguardanti l’indeformabilità del piano, il ponte serviva solo al passaggio pedonale e non alle carrozze, ma fu il primo passo verso più avanzate e approfondite strutture sospese rigide a partire dalla fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX secolo.

CREDITS

Testi a cura di Pamela Foresti

FONTI BIBLIOGRAFICHE
Drew P., Tenisile Architecture, Crosby Lockwood Staples, London, 1976
Sguerri L., Storia e Tecnica delle Tensostrutture, dai ponti sospesi alle architetture in legno lamellare, Biblioteca Galileo, Padova, 1995
FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI
Fig. 1: Drew, 1976