Interviste agli specialisti
La documentazione del processo progettuale e costruttivo dell'architettura tessile
a cura di Alessandra Zanelli, regia di Giovanni Lasi
Il percorso progettuale con cui si definisce un’architettura tessile è così particolare e ancora poco noto rispetto al modo di realizzare un’architettura tradizionale che è sembrato significativo poter documentare come esso si dipani passo dopo passo, scoprendone i protagonisti, dando voce alle loro idee e alla loro dotazione di conoscenze specialistiche, nel tentativo di far emergere quanto mettano in comune e come avvenga il dialogo tra loro, fino a innescare quelle sinergie e quelle scintille di innovazione - sul piano linguistico, materiale, tecnico costruttivo - che distillano nella costruzione di uno spazio architettonico.

Ogni intervista si dipana attorno a un’architettura tessile di recente costruzione. Gli intervistati sono gli operatori significativi di ogni percorso progettuale: l’architetto, gli ingegneri strutturisti, i produttori e installatori dell’involucro tessile. Ognuno dal suo punto di vista e con le sue specifiche competenze contribuisce a spiegare l’intero processo con cui si è arrivati alla costruzione dell’architettura tessile presa in esame.

Ogni intervista è pertanto organizzata per sequenze che restituiscono le fasi salienti con cui il progetto si è evoluto, dall’ascolto delle esigenze della committenza, alle prime idee dell’architetto fino alla scelta della forma finale, dalle verifiche strutturali alla scelta dei materiali e delle modalità di installazione, fino alla realizzazione dei dettagli costruttivi e al racconto delle operazioni in cantiere. Ogni fase del processo progettuale è documentata attraverso le diverse opinioni degli intervistati e anche attraverso la visualizzazione degli elaborati di progetto pertinenti con la fase in esame.
Padiglione temporaneo Finmeccanica per l’Airshow 2006, Fanborough, Londra

Progetto architettonico: Studio Gris, Padova.
Engineering telaio portante: Gruppo Bodino SpA, Torino.
Engineering membrana: studio Form TL, Radolfzell, Germania.
Confezione e installazione membrana: Canobbio, Castelnuovo Scrivia.

1000 mq di spazio espositivo caratterizzato all’esterno dalla materialità effimera del film in pvc trasparente, per la prima volta impiegato in accoppiamento con un tessuto in poliestere/pvc a formare un componente pneumatico di chiusura. All’interno i protagonisti sono gli elementi in acciaio, progettati secondo una concezione strutturale attenta alla minimizzazione del peso
Edificio multifunzionale per le Terme di Chianciano, Parco Fucoli, Chianciano, 2007

Progetto architettonico Studio Paolo Bodega Architetto, Lecco
Engineering legno lamellare e coord. Impresa costruzione: Studio Arti e Tecnologie, Milano
Engineering membrana e acciaieria: Form TL, Radolfzell, Germania
Project management e confezione e installazione membrana: Canobbio, Italia.

Costruzione leggera caratterizzata da un originale connubio di materiali differenti: strutture primarie in legno lamellare, strutture secondarie e flying masts in acciaio, tetto ventilato in doppio layer tessile in poliestere/pvc con lucernari apribili in policarbonato, pannelli tessili pneumatici per le partizioni verticali removibili nella stagione estiva
Tubaloon. Padiglione temporaneo per il Kongsberg Jazz Festival, 2006

Progetto architettonico: arch. Joshua Teas, SnŲhetta Architecture, Oslo, Norvegia.
Engineering: Airlight Passera & Pedretti Consulting Engineers, Biasca, Svizzera.
Realizzazione carpenteria metallica: CAMEC, Alessandria.
Confezione membrana e installazione: Canobbio SpA, Castelnuovo Scrivia.

Il Tubaloon viene montato ogni anno per tre settimane con funzione di palcoscenico per il Kongsberg Jazz Festival. La membrana in poliestere/pvc con struttura in tubi pneumatici ha circa 20m di altezza e 40m in lunghezza, viene fissata temporaneamente alla piazza storica di Kongsberg. La sua geometria ricorda gli strumenti musicali a fiato, ma č anche suggestiva di forma acustiche naturali, come quelle dell'orecchio interno